Esame di Laurea

 

Lo studente è tenuto a presentare in Segreteria studenti, almeno 6 mesi prima della sessione di laurea, domanda di assegnazione tesi debitamente firmata dal professore relatore e dallo studente stesso con l’indicazione della materia scelta.

    Con il consenso del docente lo studente può sostenere l’esame di laurea su materia insegnata nella Facoltà ancorché in tale materia non abbia sostenuto l'esame di profitto.

     Lo studente non può sostenere l’esame di laurea in Giurisprudenza su materie non insegnate in Facoltà, a meno che non si tratti di materie mutuabili (Medicina legale, Medicina delle Assicurazioni – Facoltà di Medicina; Ragioneria professionale, Ragioneria pubblica – Facoltà di Economia).

     Al fine dell’ammissione all’esame di laurea, la relativa domanda deve essere presentata almeno 30 giorni prima della seduta di laurea.

     La domanda deve essere accompagnata da una dichiarazione recante il titolo della tesi, firmata dal relatore, che autorizza la discussione della tesi. Nel termine di 7 giorni precedenti la seduta il candidato deve consegnare in Segreteria studenti due copie della tesi in formato elettronico (PDF) ed un  frontespizio della tesi firmata dal relatore e dallo studente (in originale), nonché due copie della tesi in formato cartaceo da consegnare rispettivamente al relatore ed al correlatore.

     Il candidato deve avere ultimato gli esami di profitto.

 

INDIRIZZO PER IL VOTO DI LAUREA*

(Delibere del C. di F. del 28/4/1999; 21/1/2009; 20.10.2010; 23.2.2011 e 6.3.2013)

 

«La Facoltà considera rilevante il rapporto fra la carriera dello studente documentata dal curriculum e il voto di laurea.

Essa reputa adeguato, per un elaborato di laurea che unitamente alla discussione abbia raggiunto a giudizio del relatore e del correlatore il massimo livello, un voto che non superi di più di 8 punti la media curricolare delle ventisei annualità di esami di profitto. Le frazioni non inferiori al cinquantesimo di punto sono arrotondate all’intero. In seduta prima dell’inizio dell’esame del candidato il relatore, quando ritenga di poter proporre 8 punti di aumento sulla media, ne avverte la Commissione.

Il relatore che reputi una tesi di laurea di valore eccezionale, se la sua proposta supererebbe di più di 8 punti (e in ogni caso mai più di 11) la media curricolare, ne dà comunicazione al Preside, con motivata relazione scritta, almeno quindici giorni prima della prevista discussione e il candidato consegnerà in Presidenza una copia della tesi da distribuire a cura del Preside ad ogni componente della Commissione. Nella relazione il relatore può dichiarare se ritiene la tesi degna di pubblicazione con la indicazione del suo avallo scientifico quale contributo eccezionale.

Gli studenti iscritti al corso di laurea magistrale che completino il proprio curriculum entro il termine legale (5 anni) beneficiano di un incremento di 1 punto sulla media curriculare.

Dall’a.a. 2011-2012 agli studenti che abbiano partecipato al programma Erasmus-Socrates presso Università straniere o che abbiano proficuamente frequentato, come da formale attestato, un Corso di linguaggio giuridico (francese, inglese o tedesco) tra quelli organizzati annualmente dalla Facoltà è attribuito un incremento premiale sulla votazione base, risultante dal curriculum di studi, pari a 1/110 .

Dall’a.a. 2010-2011 lo svolgimento di uno dei due programmi di “Indirizzo specialistico” attribuisce altresì un punteggio incrementale di 0,50/110 sulla votazione base per il voto di laurea.»

*L’indirizzo non è norma, nel senso tecnico-giuridico del termine, ma costituisce un criterio di riferimento dalla Facoltà alle Commissioni di laurea per un uniforme parametro di determinazione del voto.

 

Conforme a quanto disposto dalla Facoltà i Professori componenti la Commissione  partecipano alla seduta di laurea indossando la toga.

Ai sensi della delibera di Facoltà del 28.4.1999 i laureandi indosseranno durante la discussione apposita toga.